Commissione studio su Fondazione lirico-sinfonica Teatro Petruzzelli e Teatri di Bari

Il mio invito a ritirare la PdL e ad istituire sin da subito un tavolo tecnico che possa portare al raggiungimento degli obiettivi

Approvare già dalla prossima settimana un piano che preveda un percorso di consultazioni finalizzato a fare il punto della situazione sullo stato dell’arte delle fondazioni culturali pugliesi e della Fondazione lirico-sinfonica Teatro Petruzzelli e Teatri di Bari.
Con l’unanimità di intenti dei Commissari presenti, si sono conclusi con un obiettivo condiviso i lavori della VI Commissione nel corso della quale è stata discussa la proposta di legge a firma della consigliera Laricchia.
Al di là della forma della stessa PdL, che è stata ritirata su espresso invito del gruppo ConE, al fine di apportare le modifiche necessarie, ad essere stata condivisa da subito è stata la sostanza, ovvero la necessità di verificare lo status quo della governance regionale sul corretto assolvimento dal punto di vista gestionale, finanziario ed amministrativo di enti ed associazioni di diritto privato del settore cultura, controllati dalla Regione Puglia.
E se per perseguire tale obiettivo la collega Laricchia ha proposto la nomina di una Commissione di inchiesta regionale, nel mio intervento ho voluto far riflettere sulla esagerazione di tale richiesta che inevitabilmente rischierebbe di creare un vortice di insinuazioni per la presenza di psuedo reati.
Condividendo, invece, in particolar modo il punto della relazione allegata alla PdL, sull’obiettivo di pervenire alla proposizione di modifiche e/o integrazioni tese ad eliminare criticità inerenti l’attività connesse alla gestione delle fondazioni, ho invitato la Laricchia a lavorare per trovare formule alternative che non sia necessariamente l’istituzione di una Commissione di inchiesta che, personalmente, sia da un punto di vista politico, che istituzionale, ritengo inopportuna. Anche perchè le commissioni permanenti, ho ricordato, già svolgono un ruolo nel merito, ma non possono in alcun modo avere potere inquisitorio.
Di qui il mio invito a ritirare la PdL e ad istituire sin da subito un tavolo tecnico che possa portare al raggiungimento degli stessi obiettivi.
I lavori consiliari si sono conclusi con l’impegno preso dal presidente Metallo di programmare già per la prossima settimana un calendario di audizioni e approfondimenti, cui invitare rappresentanti di enti e associazioni a carattere pubblico e partecipato dando seguito ai contenuti della Proposta di Legge.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.